Deposito Progetto degli Impianti di cui D.M. 37/08

Descrizione procedimento

Il Decreto Ministeriale 22 gennaio 2008, n. 37 riordina le disposizioni in materia di attività di installazione e progettazione degli impianti all’interno degli edifici, andando ad abrogare e a sostituire parte del testo unico dell'Edilizia (Capo V della Parte II del D.P.R. 380/01) e della legge 46/90 e modifica le disposizioni in materia di sicurezza degli impianti negli edifici, fissando le regole per la loro certificazione nonché le caratteristiche degli impianti soggetti a progetto da parte di un professionista iscritto negli albi professionali.

All’art.11 il Decreto prevede il deposito al SUAPE nei seguenti casi:

  1. Per il rifacimento o l'installazione di nuovi impianti di cui all'articolo 1,   comma   2,  lettere a), b), c),  d), e), g)  ed h), relativi  ad  edifici  per i quali è già stato  rilasciato  il certificato  di  agibilità, l'impresa installatrice (o soggetto delegato) deposita, entro 30 giorni dalla conclusione dei lavori, presso  lo  sportello unico per l'edilizia, di cui all'articolo 5 del decreto  del  Presidente  della  Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 del comune ove ha sede l'impianto, la dichiarazione di conformità ed il progetto redatto ai sensi dell'articolo 5.##
  2. Per le opere di installazione, di trasformazione e di ampliamento di impianti che sono connesse ad interventi edilizi subordinati a permesso di costruire ovvero a denuncia di inizio di attività, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n.  380, il soggetto titolare del permesso di costruire o il soggetto che ha presentato la denuncia di inizio di attività (o soggetto delegato) deposita il progetto degli impianti da realizzare presso lo sportello unico per l'edilizia del comune ove deve essere realizzato l'intervento, contestualmente al progetto edilizio.

Il Decreto prevede che nei casi previsti dall'art.5 comma 2 il progetto deve essere redatto da un professionista iscritto negli albi professionali secondo la specifica competenza tecnica richiesta.

Ai sensi dell’art. 114 comma 9 della Legge regionale 21 gennaio 2015, n.1, nel caso di deposito di progetti relativi a permessi a costruire e SCIA la documentazione è tenuta dal committente o dal direttore dei lavori e presentati al Comune ai fini dell’agibilità dell’immobile.

Interventi soggetti a deposito

Ai sensi dell’art.5 comma 2 del Decreto Ministeriale 22 gennaio 2008, n. 37 il progetto per l'installazione, trasformazione e ampliamento, è redatto da un professionista iscritto agli albi professionali secondo le specifiche competenze tecniche richieste, nei seguenti casi:

a) impianti di cui all'articolo 1, comma 2, lettera a), per tutte le utenze condominiali e per utenze domestiche di singole unità abitative aventi potenza impegnata superiore a 6 kw o per utenze domestiche di singole unità abitative di superficie superiore a 400 mq;#

b) impianti elettrici realizzati con lampade fluorescenti a catodo freddo, collegati ad impianti elettrici, per i quali è obbligatorio il progetto e in ogni caso per impianti di potenza complessiva maggiore di 1200 VA resa dagli alimentatori;#

c) impianti di cui all'articolo 1, comma 2, lettera a), relativi agli immobili adibiti ad attività produttive, al commercio, al terziario e ad altri usi, quando le utenze sono alimentate a tensione superiore a 1000 V, inclusa la parte in bassa tensione, o quando le utenze sono alimentate in bassa tensione aventi potenza impegnata superiore a 6 kw o qualora la superficie superi i 200 mq;#

d) impianti elettrici relativi ad unità immobiliari provviste, anche solo parzialmente, di ambienti soggetti a normativa specifica del CEI, in caso di locali adibiti ad uso medico o per i quali sussista pericolo di esplosione o a maggior rischio di incendio, nonché per gli impianti di protezione da scariche atmosferiche in edifici di volume superiore a 200 mc;#

e) impianti di cui all'articolo 1, comma 2, lettera b), relativi agli impianti elettronici in genere quando coesistono con impianti elettrici con obbligo di progettazione;#

f) impianti di cui all'articolo 1, comma 2, lettera c), dotati di canne fumarie collettive ramificate, nonché impianti di climatizzazione per tutte le utilizzazioni aventi una potenzialità frigorifera pari o superiore a 40.000 frigorie/ora;#

g) impianti di cui all'articolo 1, comma 2, lettera e), relativi alla distribuzione e l'utilizzazione di gas combustibili con portata termica superiore a 50 kW o dotati di canne fumarie collettive ramificate, o impianti relativi a gas medicali per uso ospedaliero e simili, compreso lo stoccaggio;#

h) impianti di cui all'articolo 1, comma 2, lettera g), se sono inseriti in un'attività soggetta al rilascio del certificato prevenzione incendi e, comunque, quando gli idranti sono in numero pari o superiore a 4 o gli apparecchi di rilevamento sono in numero pari o superiore a 10.

Riferimenti Normativi

Decreto del ministero dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37

D.P.R. n. 380 del 6 giugno 2001 "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia"

Legge regionale 21 gennaio 2015, n.1

Documentazione Utile

Modello Procura Speciale

Modello Attestazione
(ai sensi dell'art. 3, comma 1, l.r. 6/2021 e dell'art. 243 bis l.r. 1/2015)

Modello Dichiarazione Conferimento Incarico
(ai sensi dell'art. 2, comma 1, l.r. 6/2021 e dell'art. 243 bis l.r. 1/2015)

Modello Dichiarazione Non Obbligarietà Presentazione Elaborato